Chitarre da viaggio: migliori prodotti di Marzo 2021, prezzi, recensioni

Negli ultimi decenni sono state ideate delle chitarre da viaggio sempre più perfette. Si, perchè a volte risulta difficoltoso ideare degli strumenti musicali in miniatura che abbiamo le stesse caratteristiche, dal punto di vista estetico e  del suono che producono, simile a quello di una chitarra di dimensioni standard. Eppure gli esperti ci sono riusciti e in questa guida tratteremo proprio di questo. Parleremo delle chitarre da viaggio, delle loro caratteristiche, del modo in cui utilizzarle e suonarle, dando tutte le info necessarie ad un eventuale acquisto. In questo modo si potrà comprendere con più facilità se questa tipologia di strumento potrà essere utile a una specifica categoria di musicisti.

Chitarre da viaggio: cosa sono e a cosa servono

Le chitarre da viaggio, dette anche ”Travel Guitars” sono chitarre, nello specifico, di dimensioni e forme ridotte. Sono adatte principalmente a quei musicisti, o a chi è semplicemente appassionato, che hanno la necessità di viaggiare spesso. Essendo molto più piccole rispetto alle chitarre standard comunemente utilizzate e acquistate, le ‘Travel Guitars” sono facilmente trasportabili. Certo, qualora si possegga una chitarra comune si potrebbe acquistare una custodia per riparare lo strumento da eventuali graffi o danni permanenti di altro tipo e ben più gravi, ma una chitarra da viaggio può avere diversi vantaggi. Qui di seguito ne mostreremo qualcuno:

  • Sono più semplici da trasportare
  • Sono decisamente più leggere qualora si avesse la necessità di spostarle continuamente di posizione
  • Sono più maneggevoli 
  • Se sono ben fatte non si noteranno grandi differenze di suono, specie per quanto riguarda la cassa armonica centrale
  • Si possono anche smontare in diversi pezzi
  • Non si hanno problemi se si decide di portare lo strumento in qualsiasi mezzo pubblico

Chitarre da viaggio: aspetto estetico e materiali che le compongono

Le chitarre da viaggio possono essere di qualsiasi tipologia: acustiche, semiacustiche, elettriche e classiche. Possono rappresentare un’ottima alternativa alla chitarra standard, specie se si ama viaggiare o se si ha necessità. In vacanza, ad esempio è piacevole, se si è appassionati, suonare davanti ad un falò o può far piacere non rinunciare al proprio strumento e continuare ad esercitarsi. Spesso, però, per questioni di capienza e anche di difficoltà economiche possono esserci delle problematiche. Le ”Travel Guitars” possono essere davvero utili da questo punto di vista.

Alcune chitarre possono avere le corde in nylon e il top in legno d’abete. Quest’ultimo genera un suono molto profondo, la tastiera e il ponte possono essere in palissandro. Alcune tra le migliori hanno il sistema 68 in pick-up. Altre ancora possono avere il retro in mogano con bottoni in nichel o silver.

Quindi, ricapitolando possiamo affermare che una chitarra da viaggio può avere queste caratteristiche ed è formata da tali materiali: 

  • Acciaio
  • Nichel o silver
  • Le colorazioni estetiche possono essere di ogni tipo, anche legno naturale
  • La parte principale esterna è sempre in legno naturale di qualsiasi tipo ( specie d’abete che è utile al suono, rendendolo più forte)
  • La tastiera e il ponte possono essere in palissandro 
  • Il retro può essere costruito con mogano 
  • I bottoni possono essere in nichel 

Chitarre da viaggio: alcune tipologie

Tra le tipologie principali di cui parleremo ora troviamo sicuramente le chitarre da viaggio elettriche e acustiche. Quelle elettriche necessitano di un amplificatore da viaggio compatto o per cuffie per poter suonare. Quelle da viaggio acustiche possono avere anche corde in nylon ( e sono quindi classiche) o in acciaio ( vengono definite western). Le corde in nylon sono più morbide e producono un suono più specifico, netto e definito, quelle in nylon invece sono più adatte al pop e il rock. Inoltre va detto, a causa delle loro dimensioni ridotte, alcune di queste chitarre considerate da viaggio, possono essere anche acquistate per i bambini, specie quelle acustiche.

Chitarre da viaggio: come acquistare uno strumento di questa tipologia

Vi sono dei parametri di cui andrebbe tenuto conto quando di sceglie di acquistare una chitarra da viaggio. Innanzitutto va tenuto conto del costo. Quest’ultimo è quasi sempre abbastanza ridotto, dunque scegliere di acquistare una chitarra da viaggio è abbordabile e accessibile a tutti. Bisogna poi tener conto del peso della chitarra, quest’ultimo svolge un ruolo importante da non sottovalutare assolutamente. Durante qualsiasi spostamento avere una chitarra con sè che pesa poco è conveniente e un vantaggio non indifferente. Bisognerebbe riuscire ad acquistare uno strumento che non pesi oltre i 2 kg e mezzo, massimo 3 kg, in questo modo non si avranno problemi di trasporto e può essere portato con estrema facilità. Un ultimo parametro di cui tenere conto sono le dimensioni dello strumento. Minore sarà l’ingombro più semplice sarà portarla.

Conclusioni

Per concludere, possiamo affermare che una chitarra da viaggio è estremamente comoda e confortevole da portare in viaggio, essendo piccola e smontabile anche in vari pezzi a tal punto da poterla trasportare anche in uno zaino. Il suono e l’aspetto estetico non cambia di molto rispetto ad una chitarra classica standard.

Back to top
menu
sceltachitarre.it